Bandiera del Regno Unito

Come il Regno Unito intende impedire ai minori di consumare materiale pornografico

Avatar di Alexandre Marques
Con la nuova legge sulla sicurezza online, l'organismo di regolamentazione del Regno Unito intende impedire ai minori di accedere a siti Web con contenuti per adulti.

Il Regno Unito sta intensificando gli sforzi per controllare e vietare l'accesso dei minori ai contenuti pornografici, secondo la legge recentemente approvata Legge sulla sicurezza online. Il regolatore britannico delle telecomunicazioni, Ofcom, ha pubblicato linee guida che spiegano come i siti porno possono verificare l'età degli utenti per garantire il rispetto della legge.

La legislazione offre ai siti web la flessibilità di scegliere metodi per impedire l'accesso a utenti minorenni, e il Ofcom presenta un elenco di misure che possono essere adottate. Una delle opzioni è richiedere che una banca o una rete mobile confermino che l'utente ha almeno 18 anni, con il consenso dell'utente. In alternativa, i siti potrebbero richiedere i dettagli di una carta di credito valida disponibile solo per gli adulti.

Inoltre, l'autorità di regolamentazione sta prendendo in considerazione misure come l'invio di documenti d'identità con foto, come patente di guida o passaporto, o l'utilizzo della tecnologia di “stima dell'età facciale”. Quest'ultima opzione prevede l'invio di una copia del tuo passaporto e un selfie dal vivo per verificare se le foto corrispondono, o anche l'invio del tuo volto nudo per la valutazione della webcam da parte di un'intelligenza artificiale.

Obiettivi e critiche del governo britannico

Come il Regno Unito intende impedire ai minori di consumare materiale pornografico. Con una nuova legge sulla sicurezza online, l'organismo di regolamentazione del Regno Unito intende impedire ai minori di accedere ai siti Web con contenuti per adulti.
Parlamento inglese. (Immagine: divulgazione)

Queste misure mirano a soddisfare l’obbligo legale stabilito dall’Online Safety Act, che impone ai fornitori di contenuti pornografici con un numero significativo di utenti nel Regno Unito, o che si rivolgono a tale pubblico, di effettuare controlli dell’età “altamente efficaci”.

Tuttavia, queste misure non sono esenti da controversie. I critici hanno espresso preoccupazione per questioni tecniche e di privacy, sottolineando le sfide affrontate nei precedenti tentativi di implementare controlli sull'età per la pornografia. La legislazione precedente è stata cancellata quattro anni fa a causa delle preoccupazioni, e ora l’efficacia e la privacy delle nuove misure proposte sono argomenti di dibattito.

La privacy è una preoccupazione centrale e la bozza delle linee guida di Ofcom evidenzia che tutti i metodi di assicurazione dell'età devono rispettare le leggi sulla privacy del Regno Unito. Tuttavia, gruppi per i diritti digitali, come Open Rights Group, mettono in discussione il solo affidamento alle leggi sulla protezione dei dati e sollecitano il regolatore a stabilire standard più chiari per proteggere i dati degli utenti.

Un’altra questione sollevata è la possibilità di aggirare i controlli sull’età tramite VPN. Anche se non esiste un’unica soluzione alla sicurezza online, il Ofcom sottolinea che tali misure costituiscono una parte più ampia di una serie di azioni volte a garantire la sicurezza dei bambini online, compresi l'educazione e il dialogo tra genitori e figli.

Nell'ambito della legge sulla sicurezza online, i siti web pornografici avranno la possibilità di adottare gli approcci proposti da Ofcom o di attuare misure proprie, purché soddisfino lo standard "altamente efficace" richiesto dalla legislazione. Il mancato rispetto della legge può comportare multe salate, evidenziando quanto seriamente il Regno Unito si stia avvicinando alla protezione dei minori online. Resta da vedere come i fornitori di porno risponderanno a queste linee guida e se le preoccupazioni sulla privacy verranno affrontate pienamente.

Per Dame Melanie Dawes, CEO di Ofcom, le linee guida applicate mireranno a proteggere i minori senza tralasciare la tutela del diritto alla privacy degli adulti:

La pornografia è facilmente accessibile ai bambini online e le nuove leggi sulla sicurezza online sono chiare e devono cambiare. La nostra guida pratica definisce una serie di metodi per controlli dell’età altamente efficaci. Siamo certi che metodi più deboli – come consentire agli utenti di dichiarare la propria età – non soddisferanno questo standard. Indipendentemente dal loro approccio, ci aspettiamo che tutti i servizi offrano una solida protezione ai bambini dall’accesso alla pornografia e garantiscano anche che i diritti alla privacy degli adulti e la libertà di accesso ai contenuti legali siano salvaguardati.

Dame Melanie Dawes, CEO di Ofcom

Qual è l’impatto della pornografia sulla vita dei bambini e degli adolescenti?

Regno Unito
Gli esperti raccomandano ai genitori di monitorare le attività dei propri figli su Internet. Foto: Sofia Mayer/g1

La pornografia online rappresenta una realtà preoccupante per bambini e adolescenti, come evidenziato da Ofcom. L’ultima ricerca rivela che l’età media in cui i bambini sono esposti per la prima volta a contenuti pornografici è 13 anni, con quasi un quarto di loro che incontra questo tipo di materiale entro gli 11 anni (27%), e uno su dieci entro i 9 anni ( 10%). In modo allarmante, quasi 8 giovani su 10 (79%) si imbattono in materiale pornografico violento, che raffigura atti sessuali coercitivi, degradanti o che inducono dolore, prima di compiere 18 anni.

L’impatto di questa esposizione precoce alla pornografia è particolarmente grave per lo sviluppo dei bambini e dei giovani. UN Unicef sottolinea che l'esposizione alla pornografia può portare a problemi di salute mentale, sessismo, oggettivazione, violenza sessuale e altri esiti negativi. La limitata capacità dei bambini e dei giovani di distinguere tra rappresentazioni della realtà e finzione amplifica i rischi. Quando la pornografia ritrae atti sessuali con atteggiamenti offensivi, violenti e misogini, c’è il rischio che i giovani percepiscano questi comportamenti come normali, accettabili e persino desiderabili.

Inoltre, la pornografia può modellare erroneamente le aspettative dei giovani riguardo all'intimità e al consenso, influenzando negativamente le loro interazioni future. In breve, l’impatto della pornografia sulla vita dei bambini e degli adolescenti va oltre la semplice esposizione a contenuti per adulti. Comporta rischi significativi per la salute mentale, lo sviluppo emotivo e la formazione di valori legati al sesso e alle relazioni. Diventa quindi fondamentale Monitoraggio da parte dei genitori del comportamento e delle attività dei propri figli su Internet.

Per la psicoanalista Carla Regina Campos, regolamentare l'accesso dei bambini ai contenuti pornografici è essenziale per evitare possibili disturbi e conflitti intrapsichici nello sviluppo di bambini e adolescenti:

Da una prospettiva psicoanalitica, l'esposizione precoce alla pornografia può avere un impatto significativo sullo sviluppo psicosessuale. Secondo Freud l'infanzia è una fase cruciale per la formazione della personalità e l'acquisizione dei valori. La pornografia, introducendo immagini e comportamenti sessualmente espliciti prima che i bambini abbiano la maturità emotiva necessaria per comprenderli, può interferire con la sana formazione dell’identità sessuale. Inoltre, la teoria psicoanalitica evidenzia l'importanza della sessualità infantile nella costruzione psichica. La pornografia, presentando situazioni dissociate dal contesto emotivo e relazionale appropriato, può influenzare distorsioni nella comprensione dell'intimità e nella formazione di fantasie sessuali.

La psicoanalisi sottolinea anche l'importanza della rimozione e dell'inconscio. L’esposizione precoce alla pornografia può contribuire a conflitti intrapsichici, innescando ansie e portando a meccanismi di difesa malsani. In sintesi, da una lente psicoanalitica, la pornografia nell’infanzia può interferire con la formazione psicosessuale e la costruzione dell’identità, contribuendo potenzialmente a conflitti psichici e distorsioni nella comprensione dell’intimità e della sessualità.

La psicoanalista Carla Regina Campos

Cosa ha fatto il Brasile per contrastare l’accesso a minori a siti pornos

Come il Regno Unito intende impedire ai minori di consumare materiale pornografico. Con una nuova legge sulla sicurezza online, l'organismo di regolamentazione del Regno Unito intende impedire ai minori di accedere ai siti Web con contenuti per adulti.
I progetti di legge che mirano a impedire ai minori di consumare contenuti pornografici sono in fase di stallo nella legislatura. Foto: riproduzione/Internet.

A un ritmo più lento, il Brasile si trova anche ad affrontare sfide legate al libero accesso da parte di bambini e adolescenti ai contenuti per adulti su Internet, come evidenziato dal Progetto Legge 3993 / 20, scritto dal deputato Dagoberto Nogueira (PDT-MS).

Analogamente alle misure di Ofcom Nel Regno Unito, il progetto proponeva di richiedere la prova della maggioranza per accedere alle piattaforme digitali e ai siti web con contenuti per adulti. Per registrarsi presso i fornitori di applicazioni, le parti interessate devono inviare documenti di identità con foto scannerizzata.

Il disegno di legge evidenzia che, per dimostrare l'età, i consumatori possono presentare diversi documenti, come carta d'identità, carta di lavoro, tessera professionale, passaporto, carta d'identità funzionale, documenti di identificazione militare o altro documento pubblico che consenta l'identificazione.

Ora, la Fattura 3993/20 era attaccato a PL 2390/2015, presentato da Franklin (PTdoB/MG) il 15 luglio 2015, ed è ancora sottoposto all'analisi dei comitati di esperti della Camera. Vale la pena evidenziare che il PL 2390/2015 propone modifiche al Legge No. 8.069 / 1990, creando il Registro nazionale degli accessi a Internet con l'obiettivo di vietare ai bambini e agli adolescenti l'accesso a siti elettronici con contenuti inappropriati.

Vedi anche

Fonti: La Verge, TechCrunch e Ofcom.

Testo corretto da: Pedro Bomfim (5/12/23)

Iscriviti per ricevere le nostre novità:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Related posts