Q-star, l'intelligenza artificiale "super avanzata", potrebbe aver portato al licenziamento dell'amministratore delegato di openai. Il consiglio di amministrazione dell'azienda ha licenziato Sam Altman dopo aver avvertito della scoperta di una potente intelligenza artificiale con il potenziale di minacciare l'umanità. Il dirigente è stato riassunto dopo le pressioni dei dipendenti

Q-Star, l’intelligenza artificiale “super avanzata”, potrebbe aver portato al licenziamento del CEO di OpenAI

avatar mario madede
Il consiglio di amministrazione dell'azienda ha licenziato Sam Altman dopo aver avvertito della scoperta di una potente intelligenza artificiale con il potenziale di minacciare l'umanità. Il dirigente è stato riassunto dopo le pressioni dei dipendenti

In una sorprendente svolta degli eventi, il OpenAI, creatore di ChatGPT, si è trovata al centro di una controversia quando i ricercatori hanno allertato il consiglio di amministrazione di una scoperta allarmante nel campo dell'intelligenza artificiale (AI). Questo avvertimento cruciale ha preceduto il licenziamento dell'amministratore delegato, Sam Altman, per decisione del consiglio, provocando intense reazioni in azienda.

Il licenziamento e la riassunzione di Sam Altman

Ia avanza troppo e l'amministratore delegato licenziato dell'openai viene riassunto
L’intelligenza artificiale avanza troppo e il CEO di OpenAI licenziato viene riassunto (Immagine: Te Capital Advisor)

A OpenAI ha licenziato il suo amministratore delegato, Sam Altman, in data 17 novembre 2023, con decisione del consiglio di amministrazione della società. Il licenziamento di Altman ha suscitato indignazione tra i dipendenti dell'azienda, che hanno espresso sostegno all'amministratore delegato sui social media.

A Microsoft ha invitato Altman e tutti i dipendenti di OpenAI per creare una nuova divisione AI all’interno dell’azienda. Tuttavia, alcuni membri del consiglio, che non erano d'accordo con il licenziamento, si sono ribellati e hanno cercato di ribaltare la situazione, proponendo il ritorno dell'amministratore delegato.

Altman accettò l'invito e tornò al OpenAI, ma la stampa ha cercato di scoprire il motivo di tutta questa situazione. Le fonti affermano che la decisione è legata a una scoperta significativa nell’intelligenza artificiale che rappresenta un rischio per l’umanità. Si sospetta che questo sia correlato a qualcosa chiamato Q* (Q-Star ou Stella Q), essendo una superintelligenza artificiale.

Cos'è Q-Star

La nuova intelligenza artificiale chiamata preoccupa gli scienziati
La nuova intelligenza artificiale preoccupa gli scienziati (Immagine: Deposit Photos – Manipolazione: Mario Mamede)

Secondo Reuters, la lettera che i ricercatori hanno inviato al consiglio descriveva dettagliatamente i rischi associati a un algoritmo di intelligenza artificiale precedentemente non divulgato soprannominato Q*. Questa svolta è diventata un momento cruciale che ha sollevato interrogativi sull’etica, sulla sicurezza e sul futuro dell’intelligenza artificiale OpenAI.

O Q* ha acquisito importanza per la sua capacità, guidata da vaste risorse computazionali, di risolvere problemi matematici. Sebbene le sue prestazioni siano paragonabili a quelle degli studenti delle scuole elementari, il superamento dei test ha generato ottimismo tra i ricercatori sulle potenzialità future dell’algoritmo AI.

La preoccupazione espressa nella lettera riguardava non solo l’abilità dell’intelligenza artificiale, ma anche il pericoli imminenti. I dettagli specifici sui rischi menzionati nella lettera rimangono poco chiari, tuttavia, le fonti indicano che la lettera ha avuto un ruolo significativo nelle denunce del consiglio, che potrebbero essere culminate nella Le dimissioni di Altman.

Il consiglio, nell’annunciare le dimissioni, ha sottolineato le preoccupazioni non solo sull’intelligenza artificiale ma anche sulla commercializzazione dei progressi tecnologici prima di comprenderne appieno le implicazioni. Questo movimento ha richiesto più di 700 dipendenti minacciano di dimettersi in solidarietà, presentando una prospettiva unica e stimolante sul futuro dell'azienda, creando Altman fossa riassunto martedì scorso.

Dopo il licenziamento di Altman, si è scoperto che un team di scienziati dell’intelligenza artificiale è stato formato unendo i team “codice gen"E"Matematica Gen“. Questo team mirava a migliorare i modelli di intelligenza artificiale esistenti per migliorare il ragionamento e, in futuro, svolgere lavori scientifici. Questo team ha svolto un ruolo importante nelle discussioni sulla direzione strategica dell'azienda riguardo all'intelligenza artificiale.

Interrogata, l'azienda ha scelto di non fornire molti dettagli sul progetto Q-Star e la lettera inviata al Consiglio. In un messaggio interno ai dipendenti, l'azienda ha confermato l'esistenza del progetto e della lettera, ma non ha fornito ulteriori informazioni, lasciando un alone di mistero e preoccupazione attorno a questi importanti eventi.

Pericoli della super IA

Quali sono i limiti etici per l’intelligenza artificiale?
Quali sono i limiti etici per l’intelligenza artificiale? (Immagine: foto del deposito)

Alcuni dipendenti credi che il Q* può rappresentare un progresso significativo verso “intelligenza generale artificiale” (AGI), essendo sistemi di intelligenza artificiale che hanno capacità cognitive paragonabili o superiori a quelle umane in un’ampia varietà di compiti.

Poiché le capacità dichiarate dell’intelligenza artificiale non sono state verificate in modo indipendente, sorgono speculazioni sul suo reale impatto e potenziale di trasformazione. I ricercatori considerano la capacità di Q* dell’esecuzione di operazioni matematiche come frontiera cruciale nello sviluppo di un’intelligenza artificiale generativa superiore.

Mentre l’attuale intelligenza artificiale eccelle in compiti come la scrittura e la traduzione, la capacità di affrontare problemi matematici in cui esiste una sola risposta corretta segnala un passaggio verso un’intelligenza più vicina a quella umana. Questo risultato potrebbe avere profonde implicazioni per la ricerca scientifica e le applicazioni pratiche.

Tuttavia, il Reuters sottolinea che la più grande preoccupazione degli informatici e dei ricercatori è il rischio che sistemi altamente intelligenti prendano decisioni probabilistiche in merito distruzione della razza umana nel proprio interesse.

il licenziamento di Altman, un grande leader visionario responsabile del clamoroso successo di ChatGPT, ha lasciato i dipendenti sorpresi e preoccupati Altman è riuscita ad attrarre investimenti importanti, comprese risorse cruciali Microsoft, sforzandosi di raggiungere l'AGI.

Nell'ultima presentazione del dirigente, avvenuta di recente, sono stati rivelati i nuovi strumenti e i progressi tecnologici dell'azienda. Durante l'evento ha espresso ottimismo riguardo ai grandi traguardi futuri, sottolineando la continua ricerca per superare i limiti della conoscenza come motivo di orgoglio professionale.

“In quattro occasioni nel corso della storia di OpenAI, l'ultima proprio nelle ultime settimane, ho avuto il privilegio di essere presente mentre scoprivamo l'ignoranza e spingevamo oltre la frontiera della scoperta. Farne parte è un onore professionale irripetibile”.

Sam Altman, durante il vertice sulla cooperazione economica Asia-Pacifico.

Tuttavia, il licenziamento e la riassunzione del Altman solleva dubbi sulla direzione del futuro dell'azienda. Il consiglio, nel prendere questa decisione, ha espresso preoccupazioni più ampie, non solo riguardo alla tecnologia in sé, ma anche riguardo alla divulgazione prematura dei progressi tecnologici e alle implicazioni etiche ad essi associati.

Lo scenario è complesso, con sfide etiche, incertezze tecnologiche e il futuro dell’intelligenza artificiale OpenAI in gioco. Man mano che la storia si sviluppa, la comunità attende con impazienza maggiori informazioni sul progetto Q*, la lettera dei ricercatori e i prossimi passi dell'azienda nella sua ricerca di intelligenza artificiale avanzata.

Vedi altro:

Fonte: Reuters, Scoperta di Google, CNBC, CNN Portogallo

Recensito da Glaucone Vitale il 23/11/23.

Iscriviti per ricevere le nostre novità:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Related posts