Zuckerberg e Macron

Il programma XCheck di Facebook esenta le celebrità dal seguire le regole di Facebook

Pedro Bomfim Avatar
Il programma XCheck di Facebook ha causato polemiche mostrando che la piattaforma esonera le celebrità dal seguire le regole stabilite per la comunità

O Wall Street Journal, celebre per l'inchiesta e il giornalismo di qualità, ieri, lunedì 13 settembre, ha pubblicato un reportage affermando che, grazie al programma XVerificare do Facebook, le celebrità sono esentate dal seguire le regole della piattaforma, che include, ovviamente, Instagram e altri servizi e piattaforme appartenenti all'azienda.

Il rapporto mostra anche che l'elenco può essere aggiornato da più dipendenti, mentre il team di moderazione schierato appositamente per rivedere i post di questi cosiddetti "membri d'élite" è piuttosto snello. Il risultato? Molte celebrità infrangono le regole indiscriminatamente e, come dice il grande detto brasiliano di internet, non succede niente fejoada.

Come funziona Facebook XCheck?

Mark Zuckerberg pensa al programma xcheck di facebook
Il programma XCheck di Facebook esenta le celebrità dal seguire le regole di Facebook

A lista di piatti bianchi, diciamo, ha quasi 6 milioni di utenti. Tra loro ci sono politici, calciatori, attori e attrici, registi, scrittori e ogni tipo di celebrità che puoi immaginare. Per citare un esempio relativamente recente, basti ricordare quando il calciatore brasiliano Neymar Jr. è stato accusato di stupro e, nel tentativo di dimostrare la propria innocenza, ha pubblicato conversazioni su WhatsApp con la presunta vittima, il che ha mostrato nudi della ragazza. Oltre il stampe non sono stati abbattuti dalla piattaforma stessa, è sicuro che non gli è successo niente.

Un altro problema è che, secondo il rapporto, l'azienda non tiene traccia delle persone aggiunte al programma XCheck di Facebook. Se consideri che quasi tutti i dipendenti possono aggiungere chi vogliono al gruppo d'élite, è un po' snervante immaginare quante persone possano rientrare in quella categoria e ignorare di fatto le regole di Facebook. Vale anche la pena notare che la maggior parte delle celebrità non sa di far parte di questa manovra del piatto bianco, almeno non direttamente.

È difficile stabilire una data precisa su quando è stato implementato il programma XCheck di Facebook o se questa politica è stata adottata sin dalla fondazione della piattaforma; quello che si sa per certo è che è stato scoperto a metà del 2018, quando lo stesso Facebook ha rilasciato una dichiarazione, sostenendo che, per le celebrità, c'erano due livelli di analisi per ciò che veniva pubblicato.

Cosa dice Facebook?

In risposta al rapporto pubblicato dal Wall Street Journal, direttore delle comunicazioni di Facebook, Andy Stone, ha fatto quello che fanno tutti oggigiorno quando vengono attaccati: a filo su Twitter cercando di spiegare la funzionalità di questo presunto controllo incrociato, che è solo un altro nome per il programma XCheck di Facebook. Secondo lui, questo presunto gruppo elitario fa parte di un secondo livello di analisi, come accennato in precedenza, in modo che i moderatori dell'azienda possano rivedere accuratamente ciò che viene pubblicato da loro.

Dopo un sacco di agitazioni, pietra detto quello che dicono tutti i colpevoli al termine delle loro testimonianze, il mantra ormai leggendario”Sappiamo che il programma non è perfetto e che dobbiamo migliorare la piattaforma“. Almeno, anche alla fine, ha detto che Facebook ha già nuovi team e nuove linee guida per risolvere questi problemi – il fatto che questo stia circolando nel Congresso degli Stati Uniti non è un caso. Vedi il suo thread completo di seguito:

Bene, possiamo solo aspettare lo svolgimento di questa storia, se ce n'è una. Nel frattempo, vediamo l'azienda di Mark Zuckerberg espandere il proprio dominio nel cosiddetto metaverso di facebook. Inoltre, puoi vedere le regole di Facebook e le cosiddette Norme comunitarie no proprio sito web della piattaforma.

Vedi anche

Fonti: PC Mag | Business Insider

Iscriviti per ricevere le nostre novità:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Related posts